Vivere senza produrre immondizia

Nelle mie peregrinazioni su youtube, tempo fa mi sono imbattuta nella storia di Lauren Singer, una ragazza di New York che ha deciso di vivere la sua vita senza produrre immondizia.

Il tutto è iniziato quattro anni fa, quando studiava all’università. Ogni giorno un suo compagno di studi si portava da casa il pranzo in ciotole di plastica, mangiava in piatti di plastica, beveva in bicchieri di plastica che puntualmente finivano nel bidone.

Lauren era piuttosto risentita da questo fatto, finché un giorno tornando a casa non si è resa conto che praticamente tutto quello che c’era nel suo frigo era avvolto nella plastica e che quindi lei stessa non era molto diversa dal suo amico!

E così ha deciso di cambiare, mettendo in atto tante piccole pratiche che l’hanno portata a ridurre così tanto la sua impronta ecologica, da realizzare un solo barattolino di immondizia in due anni: two-years-of-trash

Sembra un tantino impossibile, eppure lei ce l’ha fatta.

Ecco alcune delle buone pratiche che Lauren Singer mette in atto:

  • Lauren fa la spesa solamente sfusa (va in negozio con delle borse di stoffa o dei vasi di vetro e si fa mettere la dentro tutto quello che vuole acquistare). Ovviamente non acquista nulla che sia imballato in plastica o altro.
  • utilizza solo borse di stoffa riutilizzabili
  • acquista frutta e verdura direttamente dal contadino (sempre con la borsina di stoffa), a cui poi riporta il suo rifiuto organico di modo che egli lo utilizzi per fare un buon compost
  • si produce da sé detersivi e prodotti per l’igiene personale utilizzando materie prime naturali
  • ha eliminato il suo spazzolino da denti di plastica, che periodicamente va gettato nel bidone, sostituendolo con uno in bambù
  • ha sostituito gli assorbenti con la coppetta mestruale
  • per struccarsi utilizza dei dischetti di stoffa lavabili e riutilizzabili all’infinito
  • niente bottigliette di acqua minerale: se c’è bisogno di portarsi dell’acqua lo fa con una bottiglietta riutilizzabile in acciaio
  • acquista pochi vestiti  e principalmente usati. Quando non vuole più utilizzare i suoi, li dona a chi ne ha bisogno
  • in linea generale cerca di vivere uno stile di vita minimalista, impegnandosi a possedere solo le cose necessarie (e sempre scegliendo con il criterio dell’ecosostenibilità).

Questi sono solo alcuni dei suoi consigli, e se avete voglia potete seguire il suo blog http://www.trashisfortossers.com/ (letteralmente, la spazzatura è da cretini).

jsj9jmpxws3bl6ofpsm8eksszhnlqlzkxxxdrlwmbbc

Se siete pratici con l’inglese qui c’è un video che mostra la sua giornata tipo.

Lauren è riuscita a trasformare la sua passione per l’ambiente in un lavoro, aprendo la sua azienda The simply Co: produce detersivo per lavatrice biologico e vegano.

Oggi ho fatto la spesa e prestato particolare attenzione a tutto quello che ho messo nel carrello! Quanti imballaggi in effetti, quanto spreco! Voglio impegnarmi anch’io su questo fronte!

E se vi viene (ci viene) la tentazione di dire che lei può farcela solo perché è da sola e non ha famiglia, sappiate che dovremo ricrederci. Qui trovate l’esempio di una famiglia con 2 figli che vive nello stesso modo: www.zerowastehome.com.

La fonte di tutte le foto è: http://www.trashisfortossers.com

 

 

Annunci

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...